l’Alchimista di Coelho E’ un libro che può cambiarti la vita – Meta O Viaggio

Prima di dirti di cosa parla l’Alchimistaquesto bel romanzo di Paulo Coelho, voglio dirti per quale motivo lo trovi tra i libri che consiglio per una crescita personale.

Non so tu cosa faresti se leggi un libro che ti cambia nel profondo la vita?

A me, questo, è un libro che mi ha cambiato la vita. Non lo dico tanto per dire.
Venivo da una profonda crisi esistenziale, dove avevo rifiutato tutto.
Proprio tutto?
Si, tutto quello che mi era stato insegnato e che avevo vissuto fino a qualche anno prima.

Non volevo più saperne di spiritualità e di cose simili.
Ogni cosa mi sembrava solo una presa in giro.  Mi sentivo deluso dalla vita, da Dio o da chi per Lui. 

Non ti è mai capitato?
Sai, quelle volte in cui non ne hai piene le “cosiddette”…
Quelle volte in cui ti arrabbi e ti lamenti di tutto e di tutti, anche se non serve a molto.
Anzi…
E’ addirittura deleterio e ti porta ancora di più dentro un meccanismo perverso della mente. Ne parlo qui.

Mi sentivo deluso da Dio e da tutti quelli che proponevano cose che non fossero legate al tangibile, al “vedibile”, insomma a quello che potevo sperimentare con i cinque sensi.

un giorno di novembre

Un giorno di novembre, mentre passeggio quasi annoiato tra gli scaffali di una bella e fornita biblioteca pubblica,  lo vedo.

Hai presente quando senti qualcosa dentro?
Ecco … proprio quella cosa lì!
Vengo attirato da questo libro, di cui avevo sentito parlare in passato ma di cui non sapevo nulla.

Da lì in avanti la storia della mia vita ha acquistato colori  diversi
Per questo Coelho è diventato uno dei miei autori preferiti.

Anche a te dovrebbe fare lo stesso effetto?
Non lo so…

Ognuno di noi ha vissuti diversi, cicatrici diverse, sogni diversi.
La scelta è solo tua, io posso solo indicarti la strada.

Ed è proprio questo quello che farò. Niente altro 🙂

Di cosa parla l’Alchimista di Coelho?

Il protagonista

Il protagonista della magica storia scritta da Paulo Coelho, l’Alchimista, è Santiago.
Chi è Santiago?

E’ un pastorello spinto da un sogno fatto per due volte. Nel sogno un bambino gli dice di raggiungere le Piramidi per appropriarsi di un tesoro. E lui parte per un lungo viaggio alla scoperta del mondo.

Ma non è la meta che conta, la cosa importante è proprio il percorso che si fa per arrivare alla meta. Ciò che spinge realmente Santiago a partire è l’incontro con un Re travestito da vecchio, che si mostra, sotto varie forme, ogni volta che un uomo sta per cedere alle proprie debolezze. Il Re dona a Santiago due pietre che hanno la capacità di indicargli la strada da percorrere, attraverso segnali da decifrare.

Il protagonista de L’alchimista vende le sue pecore e lascia tutto per muovere i passi verso la conoscenza. Una volta giunto a Tangeri, spogliato di tutti i suoi beni, per sopravvivere, è costretto a lavorare duramente prima di poter partire nuovamente.

il viaggio

E’ in questa seconda fase del suo viaggio che farà due incontri molto importanti.
Prima con la ragazza che lo farà innamorare, ma che è costretto a lasciare per continuare il suo cammino. Il secondo, fondamentale incontro è quello con un uomo inglese che ha studiato l’alchimia e desidera incontrare l’Alchimista.

Procedendo il suo viaggio in direzione dell’Egitto, Santiago si imbatte in un saggio da cui trarrà importanti insegnamenti, tra cui quello di ascoltare il proprio cuore e compiere la sua leggenda personale.

Il suo peregrinare, però, riceve una battuta d’arresto quando viene catturato dai predoni del deserto, ai quali rivela il motivo che lo ha spinto a mettersi in viaggio, sperando di riuscire a farsi liberare.
I suoi carnefici, prima lo deridono per la sua motivazione, il sogno che l’ha condotto fino a laggiù, ma poi, uno di loro, gli svela di aver avuto delle visioni simili alle sue, sognava infatti che c’era un tesoro nascosto in una chiesa in Andalusia.

La scoperta

A quel punto Santiago riconosce il luogo del racconto nel posto in cui pascolava le sue pecore, così fa rientro a casa e diventato ricco torna dal suo unico amore, l’unica cosa che capisce abbia un reale valore nella sua vita, quello che spesso si dimentica nella sua essenzialità.

Va incontro alla donna che aveva lasciato per proseguire il suo viaggio. Così quella che può sembrare una domanda, iniziando a leggere il romanzo L’Alchimista di Paulo Coelho, si trasforma in un’affermazione, ancora del tutto da chiarire: bisogna ritrovare se stessi prima di poter condividere il proprio mondo con qualcun altro e vivere la persona amata?

Meta e viaggio nell’Alchimista di Coelho

Alla fine meta e viaggio sembrano diventare un tutt’uno.

Non puoi arrivare alla meta se non vivi il viaggio!
Non puoi vivere il viaggio se ti preoccupi solo della meta!

Lo so che a un a prima lettura ti può sembrare complicato da comprendere. Eppure, non esiste altra strada. Non esiste un modo più semplice di questo per riuscire a far diventare “il vile metallo in oro”

Nel momento che diventi consapevole di questo, ti rendi conto che ogni passo del viaggio era la meta, che in ogni attimo che hai vissuto vi era il potenziale per trasformare il vile metallo in oro.

Acquisire questa consapevolezza, è, come dice Tolle nel suo libro “il Potere di Adesso”, la chiave per accedere all’Essere che è presente in ciascuno.

Se quello che trovi scritto qui ti ha incuriosito puoi acquistare “L’Alchimista” di Paulo Coelho QUI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share